Riscopriamo la Storia e le Tradizioni “intervista n. 3″



Ecco un’altra intervista nell’ambito del progetto “RISCOPRIAMO LA STORIA, LA CULTURA E LE TRADIZIONI DI ZAFFARIA”, curata da Giuseppe D’Urso e Massimo Ferrara. Questa volta abbiamo incontrato Giuseppe Venuti detto “Peppino U Scarparu”. L’intervista è avvenuta il 29 Giugno 2008.

  • Da quanto tempo vive a Zaffaria?

Vivo a Zaffaria da novantaquattro anni, cioè dal 1914, anno della mia nascita.

  • Cosa ne pensa del paese ai giorni nostri?

Detto esplicitamente fa schifo.

  • Cosa è cambiato rispetto ad un tempo?

Rispetto ad una volta l’andamento è molto peggiorato. Non c’è educazione e considerazione  verso le persone anziane.

  • Quali erano le tradizioni per la festa di S. Nicola?

S. Nicola è il protettore del paese e in passato, ogni anno ad Agosto, la statua veniva portata in processione sulla varetta per le vie del paese. La processione partiva dalla chiesa, passava per i due torrenti, arrivava in contrada Macchia, in cui c’erano due o tre case e tornava in piazza passando per la contrada Fornaci, Cuba (qui il Santo veniva portato a marcia indietro poiché la strada era stretta), Casale e Monalla (in cui avveniva lo spettacolo pirotecnico).

  • E di quella della Madonna dell’Itria?

Anche per la festa della Madonna, che avveniva a Settembre, c’era la processione con lo stesso percorso e in più a Monalla c’era la rappresentazione “Du cavadduzzu e l’omu sarbaggiu”.

  • Anticamente si svolgeva la festa di S. Sofia?

L’hanno fatta una sola volta. Ricordo che la statua di S. Sofia fu portata in processione per le vie del paese e la sera ci fu una recita in versi.

  • Nelle principali feste cristiane si svolgevano riti religiosi particolari?

Durante le feste principali venivano celebrate Messe in latino tutte cantate.

  • Cosa si organizzava nel periodo di Carnevale?

I ragazzi si vestivano di carnevale e andavano nella famiglie per ricevere dei doni. La sera ai giovani era vietato uscire e girare per il paese.

  • In passato si tramandavano leggende particolari?

No, non si tramandavano leggende.

  • E’ dispiaciuto per le condizioni in cui versa l’antica chiesa parrocchiale?

Si, sono molto dispiaciuto per l’abbandono della chiesavecchia, ma per il restauro ci vogliono molti soldi.

  • Cosa ne pensa del portone in bronzo?

Si, penso che sia una bella cosa.

  • Cosa augura per il futuro a questo paese?

Auguro che possa migliorare molto ed essere più vivibile per tutti.

 

 

GIUSEPPE D’URSO e MASSIMO FERRARA

Nessun commento ancora

Lascia un Commento

LETTURE DEL GIORNO

IL SANTO DEL GIORNO